Un Golden Per Riccardo


in un ospedale della California è ricoverato Riccardo , uno sfortunato bimbo di San Donà di Piave. Riccardo ha una tetraparesi spastica. La clinica è la “Anat Baniel Methode Center” di San Rafael, Dove la Dottoressa Baniel utilizza un metodo che prevede connessioni neuronali, secondo un approccio olistico alle funzioni umane basato sul movimento. La dottoressa, è una luminare in questo approccio dolce.

L’apporto di un cane viene considerato essenziale, attraverso il gioco e il movimento dolce, la presenza affettuosa e rassicurante dell’amico dell’uomo appositamente allevato.
I genitori di Riccardo hanno trovato un cucciolo di Golden Retriever in questo allevamento in Emilia», spiega Luciano Falcier, ex Senatore Di Fossalta di Piave e amico della famiglia di Riccardo , «io e Giuseppe Moro, pensionato alla Save(società aereoporti veneziani), ci siamo informati per capire quali fossero gli ostacoli anche al consolato Usa. La disponibilità della Save è stata massima, dai capi scalo fino alle compagnie aeree che si sono rese disponibili. Rispettati gli standard per la gabbietta, previsto un accompagnatore per il cane in modo che potesse viaggiare assieme alle persone sui sedili appositi».
Il consolato Usa ha risposto , che si era interessato per il viaggio e le pratiche. Il cucciolo di Golden Retriever, il cui nome è “Happy”, era stato bloccato all’aereoporto Marco Polo a causa delle severe leggi americane che impongono almeno i 3 mesi ai cani per entrare negli Usa, e con l’antirabbica.
il cane dovrà avere 3 mesi e la vaccinazione antirabbica in Italia, poi ci sarà un periodo di quarantena e potrà partire. Riccardo Aspetta “happy” e il suo futuro dipende ora da un cagnolino che non lo può raggiungere subito negli Usa per una pet therapy mirata.
L’ex senatore era disposto a scrivere anche al presidente USA, In Italia non esistono strutture che applichino questo metodo e anche gli studi della dottoressa Baniel sono poco conosciuti, a differenza degli Stati Uniti e del Medio Oriente dove sono utilizzati con successo.
Ma anche qui qualcosa si muove e si spera che questi metodi in futuro possano essere applicati maggiormente, perchè  la loro efficacia è riconosciuta.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.