I cani eroi dell’undici settembre


Quando il World Trade Center è crollato l’11 settembre 2001, quasi 10.000 soccorritori di emergenza si sono uniti agli sforzi per aiutare. Più di 300 di quegli eroi erano cani.

Oggi ricordiamo e onoriamo gli Hero Dogs dell’11 settembre insieme alle innumerevoli persone che hanno avuto la loro vita irrevocabilmente cambiata dal migliore amico dell’uomo. Dai cani da ricerca e soccorso ai cani da conforto ai cani da rilevamento delle bombe, le storie di coraggio, guarigione e eredità di lunga durata di questi cani non devono mai essere dimenticate.

Ricordate sempre.

BRETAGNE

BRETAGNE E DENISE

(pronunciato Brit-nee) aveva due anni al momento degli attacchi. Lei e Denise Corliss, la sua proprietaria e conduttrice, hanno lavorato a Ground Zero per 10 giorni mentre la loro missione passava dal salvataggio al recupero.

Corliss, un vigile del fuoco volontario dei vigili del fuoco di Cy-Fair, ha iniziato ad addestrare Bretagne per il lavoro di ricerca e soccorso a sole otto settimane. Il duo divenne presto una squadra canina certificata dalla FEMA che lavorò anche nelle missioni di salvataggio durante gli uragani Katrina, Rita e Ivan.

Bretagne si è ritirata dal lavoro di ricerca formale all’età di 9 anni, ma ha continuato a lavorare come ambasciatrice di buona volontà per i suoi vigili del fuoco locali e come cane da assistenza alla lettura in una scuola elementare locale.

Bretagne è rimasta l’unico cane vivente di ricerca e salvataggio dell’11 settembre fino al 6 giugno 2016, quando è stata sepolta a soli 17 anni.

Quando Bretagne è entrato nell’ospedale per animali a Cypress, in Texas, i vigili del fuoco e gli addetti alla ricerca e al soccorso dei vigili del fuoco si sono allineati sul marciapiede e hanno salutato. È stata eseguita più tardi, il suo corpo avvolto in una bandiera americana.

Bretagne tra le macerie delle torri

Riley

New York, NY (15 settembre 2001) – Il cane Golden Retriever SAR, Riley, viene trasportato fuori dai detriti del World Trade Center. US Navy Foto del giornalista Preston Keres.

Riley, un Golden Retriever che ha assistito nelle attività di ricerca e salvataggio dell’11 settembre, è stato addestrato per trovare persone vive. Tuttavia, ha aiutato a recuperare diversi corpi di vigili del fuoco. Ma Riley ha lavorato disperatamente per trovare i vivi: quello era il suo lavoro.

Il suo compagno di ricerca e umano ha spiegato: “Riley sapeva che le persone che continuava a trovare erano morte. Non è mai stato un cane da cadavere formalmente addestrato. Il suo compito era scoprire che era ancora vivo. Ho fatto del mio meglio per dire a Riley che stava facendo il suo lavoro. Non aveva modo di sapere che quando i vigili del fuoco e gli agenti di polizia sono venuti ad abbracciarlo, e per una frazione di secondo puoi vederli sorridere con un sorriso, che Riley stava riuscendo a fare un lavoro completamente diverso. Ha fornito conforto. O forse lo sapeva.

Coby e guinness

Coby e Guiness

Entrambi labrador retriever, hanno cercato instancabilmente tra le macerie del World Trade Center prima di tornare a casa nel sud della California per ritirarsi a casa del loro conduttore.

Entrambi questi cani hanno lavorato per un’area ancora più grande e affollata di quanto non fossero mai stati addestrati, cercando 11 giorni in turni di 12 ore. La loro ricompensa era un pisolino o un giocattolo da masticare.

Insieme, hanno trovato i resti di dozzine di persone tra le macerie.

APPOLLO

appollo

Appollo e il suo gestore, Peter Davis, furono chiamati per assistere nelle operazioni di salvataggio dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre. Sono arrivati ​​al sito del World Trade Center 15 minuti dopo l’attacco, rendendo Appollo il primo cane da ricerca e soccorso ad arrivare dopo il crollo delle torri.

A un certo punto, Appollo fu quasi ucciso dalle fiamme e dai detriti che cadevano. Tuttavia, è sopravvissuto, essendo stato inzuppato dopo essere caduto in una pozza d’acqua poco prima di questo incidente. Appollo ha ricominciato a lavorare non appena Davis gli ha spazzato via i detriti.

TUNDER

tuono

Thunder and handler, Kent Olson, ha viaggiato da Lakewood, Washington, per cercare tra le macerie le vittime degli attacchi terroristici dell’11 settembre. Olson e Thunder perquisivano spesso Washington in cerca di vittime e sopravvissuti a valanghe e possibili annegamenti. Ma questa era la prima volta che venivano mandati così lontano o aiutati in una missione di questa portata.

Sage

saggio

Sage è diventato un cane da ricerca e salvataggio della FEMA a soli 18 mesi. La sua prima vera missione è stata quella di cercare nel Pentagono dopo gli attacchi dell’11 settembre. Tra le macerie, Sage ha fiutato il corpo del terrorista che aveva fatto volare il volo americano 77 nell’edificio.

TRAKR

trakr
trakrclones

Trakr, un pastore tedesco visto qui con l’agente di polizia canadese James Symington, ha scoperto l’ultimo sopravvissuto degli attacchi dell’11 settembre al World Trade Center. Genelle Guzman-McMillan stava scendendo le scale della Torre Sud quando l’edificio è crollato intorno a lei. Dopo essere rimasto intrappolato per 27 ore sotto il cemento e le macerie, Trakr ha avvertito i vigili del fuoco di dove si trovava.

Prima che Trakr se ne andò, nell’aprile 2009, il suo DNA è stato inserito in un concorso di clonazione da Symington e successivamente è stato scelto per l’uso. Nel giugno di quell’anno sono nati cinque Trakr clonati.

JAKE

Jake

Jake aveva solo 10 mesi quando è stato trovato come un randagio, viveva per strada e soffriva di diverse ferite tra cui un’anca lussata e una gamba rotta. È stato adottato da Mary Flood, un membro della Utah Task Force 1, una squadra di ricerca e soccorso addestrata per rispondere ai disastri.

Dopo averlo riportato in salute, Mary ha addestrato Jake per la ricerca e il salvataggio. Un naturale, Jake è diventato rapidamente un cane da salvataggio di livello mondiale. Mentre Jake ha assistito dopo molti disastri naturali, è stato particolarmente noto per il suo lavoro dopo gli attacchi dell’11 settembre al World Trade Center, dove ha lavorato instancabilmente per 17 giorni.

Negli ultimi anni, Jake ha aiutato ad addestrare i potenziali cani da salvataggio più giovani, così come i loro conduttori. Jake ha aiutato altri cani a imparare a rintracciare i profumi in luoghi e terreni difficili, anche sotto la neve e persino sugli alberi. Jake ha anche lavorato come cane da terapia nelle case di cura dello Utah e in un campo per vittime di ustioni.

Centinaia di eroi a quattro zampe più fedeli, devoti e laboriosi hanno rischiato la vita e l’incolumità fisica l’11 settembre e i giorni e le settimane che seguirono. Che si tratti di cercare sopravvissuti, localizzare resti o semplicemente essere una fonte di conforto e speranza durante il momento più cupo della storia moderna, dobbiamo sempre ricordarli e onorarli.

Fonte: dogintonpost


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.