cani che scappano motivi e consigli


Introduzione

Il tuo cane raggiunge la velocità della luce mentre esce ogni volta che apri la porta? O è uno scalatore di recinzioni che si arrampica su e giù per fare la sua grande fuga? Non importa come il tuo cucciolo riesca a uscire, non c’è nulla da ridere in quanto potrebbe essere ferito, ucciso o catturato dal controllo degli animali e mandato in un canile. Ci sono molte ragioni per cui ai cani piace “diventare un Houdini” e fuggire il più spesso possibile. Queste includono noia, solitudine, desiderio di accoppiarsi, paura, eccitazione e molti altri. Ma soprattutto, il motivo più comune per cui i cani amano scappare è semplicemente perché possono. Se c’è un modo in cui può uscire dalla porta, andare oltre o sotto il recinto o scappare dal tuo cortile, puoi scommettere che il tuo amico peloso ne trarrà vantaggio. Ammettilo, non saresti troppo felice se dovessi trascorrere le tue giornate rinchiuse in una zona molto piccola. Ma se potessi trovare un modo per scappare, lo prenderei in un batter d’occhio.

I nostri cani ci adorano, vero? Almeno si comportano così. Quindi è difficile per noi immaginare perché il nostro cane vorrebbe lasciare una casa sicura, calda e asciutta dove si nutre più volte al giorno, amore, attenzione, giocattoli, prelibatezze, ecc. Sembra un paradiso per cani.

Insegnargli a non scappare

Insegnare al tuo cane a non decollare in ogni occasione sarà una sfida. Uno dei modi migliori per farlo è quello di dare al cane un motivo migliore per restare a casa piuttosto che scappare. Non dovresti mai inseguire il tuo cane poiché questo gli farà solo pensare che stai giocando e continuerà a correre. Inoltre, non punire mai il tuo cane per ciò che è, in sostanza, un comportamento naturale o per quando sbaglia qualcosa durante l’addestramento .   Addestrare il tuo cane a non scappare può aiutarti a tenerlo in cortile, a tenerlo vicino a te nel parco o vicino a te durante le passeggiate. Ma soprattutto, potrebbe salvargli la vita.

l’ABC

Prima di tutto bisognerebbe addestrarlo dai 6/8 mesi, anche se sull’inizio dell’addestramento ci sono varie scuole di pensiero. Come i bambini i cani apprendono molto da piccoli, quindi è utile forze fondamentale, fargli l’educazione di base, i famosi comandi SEDUTO,TERRA,FERMA,RESTA,VIENI, si può fare da un addestratore o se volete da soli, ci sono molti libri, anche se del personale esperto può portare a dei migliori risultati. La cosa importante, come nell’educazione dei figli, è la coerenza e la fermezza, altrimenti il cane non vi prenderà sul serio e penserà a un gioco.

cane in addestramento (Matteo Baroni addestratore Bologna)

Per iniziare hai semplicemente bisogno di un pacchetto di prelibatezze preferite dal tuo cane, un sacco di tempo e pazienza e un forte desiderio di avere successo. A seconda del metodo di allenamento prescelto, potrebbe essere necessario un guinzaglio da addestramento per tenere sotto controllo il cucciolo nel caso in cui dovesse decidere di scappare mentre impara. Preparati a lavorare sulla sua formazione in tre sessioni da cinque a dieci minuti alla volta. Ciò contribuirà a lavorare entro l’intervallo di attenzione del tuo cucciolo. Se utilizzi più tempo, perderai la sua attenzione e tutti gli sforzi che fai nella formazione saranno sprecati. Cerca di trovare un’area tranquilla in cui lavorare o un posto tranquillo nel tuo giardino per il suo allenamento per evitare potenziali distrazioni e accelerare il processo di addestramento.

metodi suggeriti

Il metodo Playtime (gioco)

PASSO 1 È tempo di giocare Porta il tuo cucciolo fuori nel cortile o in un campo aperto per giocare.

PASSO 2 Usa il comando ‘VIENI‘ Quando inizia a fuggire chiama il suo nome e digli di “venire”.

PASSO 3 Tempo per i premi. Se viene, ricompensalo con tanto amore e una sorpresa.

PASSO 4 Il punto a metà strada Ripeti questo processo a metà del tempo di gioco pianificato.

PASSO 5 Ripetere. Ripetilo nuovamente alla fine e continua questo ciclo ogni giorno fino a quando capisce cosa vuoi e ritorna ogni volta che lo chiami.

Il metodo di backup

PASSO 1 Fare una passeggiata Porta il tuo cane nel cortile con un normale guinzaglio.

PASSO 2 Indietreggiare Allontanati di 1 METRO da lui.

PASSO 3 Chiama il tuo cane. Chiamalo a te.

PASSO 4 Ricompensa Se viene, riempilo di coccole e dagli un premietto.

PASSO 5 Ripeti aumentando la distanza. Ripeti questo metodo di allenamento, spostandoti gradualmente più lontano finché non viene ogni volta.

Il metodo Gatekeeper ( lavorare alla porta di casa)

PASSO 1 Lavora alla porta. metti il guinzaglio al tuo cane e avvicinalo alla porta in modo che non possa scappare quando apri.

PASSO 2 dai il “seduto” al tuo cane. Raggiungi la maniglia della porta.

PASSO 3 Guarda il movimento. Se il tuo cucciolo inizia ad alzarsi, togli la mano dalla maniglia e fallo sedere di nuovo.

PASSO 4 È tempo di pagare Se ti lascia aprire la porta senza muoversi, dagli una biscottino.

PASSO 5 Pratica: Ripeti questo processo fino a quando non puoi lasciare la porta aperta e il tuo cane ti chiederà il permesso di attraversarlo.

Altri utili consigli

Di Robin Bennet

“Uno dei consigli chiave è rendere interessante il loro ambiente”, consiglia Bennett. “In genere non consiglio di lasciare un cane fuori da solo tutto il giorno, ma se è necessario lasciarlo incustodito in un’area sicura, fornire un arricchimento ambientale per lui.”

I suoi suggerimenti sono:

  • Nascondi le prelibatezze che deve trovare
  • Crea giocattoli interattivi seppellendo prelibatezze alimentari in una sabbiera e lascia che il tuo cane scavi per trovare il cibo, alcune razze sono più propense altre no.
  • in Estate, Congela un blocco di ghiaccio con gustosi bocconcini di cibo e lascia che il tuo cane lo lecchi mentre si scioglie.
  • Vai fuori con il tuo cane e gioca a prendere, a frisbee, a caccia di giochi o fai un po ‘di agilità nel cortile in modo da stancarlo. fallo tutti i giorni se puoi, se non puoi fare nulla di tutto ciò, non prendere un cane.

Il salto del recinto

aaa

Se il tuo cane salta il recinto, ci sono alcune cose che puoi fare per scoraggiarlo

“Potresti provare ad aumentare l’altezza della recinzione, rendendo la recinzione inaccessibile (ad esempio piantando alberi o arbusti lungo la linea di recinzione per impedire l’accesso al ponticello, o persino posizionare rulli girevoli (in USA detti rulli di koyote) lungo la cima della linea di recinzione”, afferma Bennett . questi rulli fanno scivolare il cane non riuscirà mai a saltare a meno che la recinzione è molto bassa, ma per quella vale il consiglio soprascritto.

Quando rientriamo in auto

Ormai tutti abbiamo un cancello automatico e non dobbiamo scendere dall’auto per aprire, all’arrivo a casa generalmente viene al cancello a salutarci ma ci sono molti fattori che potrebbero distrarlo, tipo un altro cane, gatto, una femmina in calore, un gioco, la voglia di farsi una corsetta etc. il consiglio è se possibile di creare un area di sicurezza da dove non possa uscire, se ciò non è possibile allora si può usare il trucchetto del premietto all’arrivo, ovvero tenetevi dei biscottini in auto e tutti i giorni quando entrate gli date il seduto e poi il biscottino, lui avrà un motivo in più per aspettare che entriate oltre che farvi le feste. Ma la distrazione è sempre in agguato, quindi voi lasciate tutti i pensieri e prima di aprire osservatevi intorno e osservate il vostro amico,se c’è qualcosa che non và, aspettate ad aprire. Se proprio il vizietto di uscire da cancello non lo perde allora per il bene suo e vostro, vi fermate un attimo e lo fate salire in auto e cosi sarete sicuri. Come scritto prima se non siete in grado di seguire nemmeno una accorgimento di questi, Non prendete un cane.

il cane può fare molta strada in poco tempo

Per concludere afferma Bennet “Penso che il più grande consiglio di prevenzione sarebbe quello di fare addestramento sull’obbedienza e insegnare al tuo cane le buone maniere domestiche in modo che possa essere dentro con noi in famiglia” è il modo più bello di vivere il cane e di far vivere l’animale.

famiglia felice con il suo cane in casa

Fonti: Caitlin Krittenden, kristina N. Lotz e Robin Bennet esperti di addestramento e cinofilia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.